Aggiungi il tuo nome

Fermiamo la deforestazione imputabile all'UE.

Vietiamo i prodotti legati alla distruzione delle foreste e di altri ecosistemi.

Le foreste sono indispensabili per la vita sulla terra, sono la nostra ancora di salvezza.

Ma ogni anno la distruzione delle foreste in tutto il mondo aumenta. L’Unione Europea da sola è responsabile di oltre il 10% della deforestazione globale attraverso il consumo di beni come la carne di manzo, il caffè, l’olio di palma e la soia utilizzata come mangime per animali.

La Commissione Europea sta preparando una proposta legislativa per porre fine a tutto questo. La Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha riconosciuto che è agire è “dovere” dell’Unione europea. Il Vice Presidente, Frans Timmermans, ha detto: “Dobbiamo fare in modo che i prodotti che consumiamo provengano da catene di approvvigionamento a deforestazione zero."

La domanda è - questa normativa sarà efficace? Metterà fine alle pratiche dannose oppure le trasferirà semplicemente dalle foreste ad altri ecosistemi preziosi? Riuscirà a garantire il rispetto dei diritti umani, e soprattutto delle comunità indigene, che sono in prima linea nella difesa delle foreste? Riuscirà ad includere tutti gli attori coinvolti, incluso il settore finanziario?

Noi Membri del Parlamento europeo del Gruppo Greens/EFA siamo pronti a fare la nostra parte. Ma prima abbiamo bisogno di una proposta solida da parte della Commissione. Ed è proprio qui che puoi aiutarci.

✍ Aggiungi il tuo nome alla lettera per il Vicepresidente della Commissione europea Timmermans e per il Commissario Sinkevičius. Insieme possiamo chiedere di preparare una proposta legislativa ambiziosa, che non crei involontariamente nuovi problemi lungo il cammino.

Questa è la lettera che invieremo. 👇

A: Vicepresidente della Commissione Timmermans
Cc: Commissario Virginijus Sinkevičius

Fermiamo la deforestazione imputabile all’UE

Caro Vicepresidente Timmermans,

È bello sentire che la Commissione europea si sta preparando a mettere fine alla complicità dell’UE nella distruzione delle foreste nel mondo.

In quanto cittadino europeo/a, voglio essere sicuro/a che la mia spesa o i miei risparmi non finanzino la distruzione della natura o l’abuso dei diritti umani.

Per questo vi chiedo che questa proposta sia efficace e completa.In particolare, la proposta:

  • Non dovrebbe fare affidamento su schemi di certificazione, ma dovrebbe invece stabilire degli standard di sostenibilità vincolanti che le aziende devono rispettare quando immettono i propri prodotti sul mercato UE.
  • Non dovrebbe considerare soltanto l’impatto sulle foreste naturali, ma anche su altri ecosistemi, così da non spostare la distruzione della natura dalle foreste alle savane, alle zone umide e alle praterie.
  • Non dovrebbe assicurare soltanto la protezione della natura, ma anche il rispetto dei diritti umani, soprattutto quelli dei popoli indigeni e delle comunità locali, alla loro terra, ai loro territori e alle loro risorse.
  • Non dovrebbe riguardare soltanto aziende che immettono prodotti sul mercato UE, ma anche organizzazioni finanziarie che sostengono, attraverso finanziamenti, prestiti e altri servizi, le aziende che praticano il commercio di questi prodotti.

Può per favore, Signor Timmermans, fare il possibile perché questo accada?

Con i miei migliori auguri,

Rosa D’Amato (🇮🇹), Marie Toussaint (🇫🇷), Thomas Waitz (🇦🇹), Sara Matthieu (🇧🇪), Sylwia Spurek (🇵🇱), Grace O'Sullivan (🇮🇪), Francisco Guerreiro (🇵🇹), Anna Deparnay-Grunenberg (🇩🇪), Ville Niinistö (🇫🇮), Margrete Auken (🇩🇰), Ernest Urtasun (🇪🇸), Pär Holmgren (🇸🇪), Bas Eickhout (🇳🇱)
Membri del Parlamento europeo per il Gruppo Greens/EFA

📷 Photo by Dale Nibbe on Unsplash

📣 Fatti sentire.

Aggiungi il tuo nome alla nostra lettera al Vicepresidente della Commissione Timmermans e al Commissario Sinkevičius.

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Errore

Possiamo tenerti aggiornato/a?

Errore

Errore

Se sei d'accordo, i membri del Parlamento europeo e il Gruppo Greens/EFA possono inviarti aggiornamenti riguardo al loro lavoro nel Parlamento europeo.

Grazie per il tuo sostengo. Per favore condividi la nostra azione con i tuoi amici.